vai alla Home Page
Google
  cerca
Max Russo Alba
Le Foto di BOL
ANNUNCI
BRESCIA NON PROFIT
CONOSCI IL TERRITORIO
FORMAZIONE E LAVORO
SPORT
TEMPO LIBERO
VISITARE BRESCIA
DOVE MANGIARE
DOVE DORMIRE
HOTEL IN PRIMO PIANO
B&B IN PRIMO PIANO
Numerica
TRASPORTI
AGRITURISMO
TROVA IL TUO AGRITURISMO
Parole cercate
Comune
Eventi
Dan Martinazzi Trio

Serata blues con il Dan Martinazzi Trio.


DOVE: Brescia
QUANDO: 26 gennaio
"Disegnare la Shoah"

In occasione della Giornata della memoria, fino al 4 febbraio mostra "Disegnare la Shoah" ("Le tappe dell'eccidio" e "Progetto Flumen*Memoriae"). Orari: sabato 27 gennaio e sabato 3 febbraio dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, domenica 4 febbraio dalle 10 alle 12. In altri giorni e orari per gruppi e scolaresche contattare la biblioteca (030.9923885).


DOVE: Quinzano d'Oglio
QUANDO: 26 gennaio-3 febbraio
"Poesia senza fine"

In programmazione, "Poesia senza fine" di Alejandro Jodorowsky, preceduto dal cortometraggio "Carro", presentato in anteprima nella sezione Prospettive di Filmmaker Festival 2017, alla presenza del regista Alberto Baroni.

A 87 anni Alejandro Jodorowsky, scrittore, fumettista e regista di classici come El Topo e La Montagna Sacra, ci regala un film meraviglioso pieno di vita ed emozioni. Poesia senza fine è il secondo capitolo autobiografico dell’artista di origini cilene e comincia proprio dove si interrompe La danza della realtà, cronaca dell’infanzia cilena dell’autore. Nel fermento della capitale cilena degli anni Quaranta e Cinquanta, Alejandrito Jodorowsky, ventenne, decide di diventare poeta contro la volontà della famiglia. Immerso nel mondo artistico e bohémien dell’epoca, fa la conoscenza di Enrique Lihn, Stella Diaz, Nicanor Parra e molti altri giovani scrittori che diventeranno maestri della letteratura moderna sudamericana. Circondato da quest’universo di intellettuali e sperimentazione poetica, vivrà una vita come pochi hanno osato vivere: sensualmente, autenticamente, liberamente, follemente.
Poesia senza fine è un’ode alla vita e all’amore che fa ridere e piangere. Sesso, amore, amicizia, passione, famiglia, religione, morte, tutto quello che fa una vita, si ritrova raccontato da Jodorowsky con quel suo linguaggio surreale e psichedelico che da sempre ci incanta e ipnotizza. Una vena ironica e divertente serpeggia nel film che, sovraccarico di sentimento e lirica, riesce a tenere viva l’attenzione dello spettatore regalando momenti di puro cinema.


DOVE: Brescia
QUANDO: 23 gennaio