Ascolta Radio Bresciasette
Radio Bresciasette
Ascolta Radio Bresciasette
Radio Classica Bresciana
TROVA IL MUSEO
Parole cercate
Comune
image
Una formazione di alto profilo per un mondo dell’arte in piena trasformazione.
Eventi
"Enrico Schinetti – … fra i giardini e l'altrove"

Ultimo giorno della mostra "Enrico Schinetti – … fra i giardini e l'altrove" curata da Marco Ticozzi, dalle 16 alle 19.30.

Il maestro Enrico Schinetti, che insegna anche all'Accademia Santa Giulia, da un quarantennio tiene corsi di pittura e di figura presso l'AAB, di cui è a tutti gli effetti una colonna portante e un infaticabile animatore.

La nuova mostra segna una tappa significativa del percorso di ricerca di Schinetti, in continuità con il ciclo dei "Giardini ateniesi" esplorato negli ultimi anni.

"Nello stesso intrico vegetale, negli stessi labirinti mentali – scrive il presidente dell'AAB Massimo Tedeschi nell'introduzione del catalogo - si affacciano nuovi miti, nuovi interrogativi esistenziali e nuove emozioni personali. Il magistrale uso del colore – non a caso materia di insegnamento di Schinetti presso un'Accademia cittadina – al pari del virtuosismo nei monocromi e nel disegno è al servizio di un'arte colta, intellettualmente vigile, civilmente impegnata. Un'arte che nell'indagine sul mito e sulle figure della classicità trova alimento per scandagliare le inquietudini dell'uomo di oggi e offrire ad esse – se non una risposta – un approfondimento, un novo sguardo, una cornice significativa".


DOVE: Brescia
QUANDO: 28 febbraio
Gabriele Saleri

Fino al 24 marzo "In viaggio" esposizione celebrativa dedicata a Gabriele Saleri. Orari: venerdi dalle 20.30 alle 22, sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18.

Ideata e promossa dall’associazione culturale Artemisia, con la collaborazione del Comune di Bagnolo Mella, la mostra presenta 35 opere appartenenti a vari periodi della lunga carriera artistica del Saleri.
L’idea di questa rassegna nasce durante l’allestimento di una precedente esposizione di Associazione Artemisia e si è consolidata grazie all’apprezzamento del pubblico per le opere di Saleri. Autore di origini Bagnolesi, ha vissuto i primi anni della Sua vita nel nostro comune che conserva memoria in alcune opere e che lui stesso in alcuni quadri ha rappresentato.
Dopo un primo sopralluogo presso lo studio, ancora intatto e curato da parte della figlia Annalisa, si è scelto per un percorso espositivo che indagasse una dimensione del Saleri leggermente meno nota, quella del paesaggista: un’immagine, per così dire, “diversa” dell’artista. Il pubblico si è infatti abituato a conoscere, dalle precedenti rassegne, i classici ritratti e paesaggi bresciani.
In questa esposizione celebrativa, abbiamo preferito sviluppare il tema del “viaggio” che si sviluppa in tre temi: partendo dall’”Acqua” con dipinti di marine, lagune ed isole di fino alla Tunisia con la serie “gli Arabi”. Chiude la mostra il tema della “Terra” con paesaggi antropici. In tutta l’esposizione, il filo conduttore è la volontà di rendere la tavolozza dei colori di Saleri un’esperienza anche sensoriale che degrada, attraverso le pennellate, dall’utilizzo dei colori freddi nei paesaggi marini ai toni caldi del deserto e delle colline.
A cornice dell'evento le sale di Palazzo Brunelli Bertazzoli a Bagnolo Mella, dichiarato nel 2016 il “Palazzo della Cultura” dal sindaco Almici.


DOVE: Bagnolo Mella
QUANDO: 25 febbraio-23 marzo
"Cina ieri e oggi"

Ultimo giorno della mostra mostra "Cina ieri e oggi". 


DOVE: Brescia
QUANDO: 4 marzo
Gemina. Arte contemporanea da Darmstadt, Logroño, Troyes

Carme presenta la mostra "Gemina. Arte contemporanea da Darmstadt, Logroño, Troyes". Fino al 4 aprile.

Come suggerisce il titolo, la rassegna intende mostrare la selezione di tre artisti provenienti dalle tre città gemellate con Brescia: Darmstadt, Logroño e Troyes. Le opere presentate, ripensate per la peculiarità dello spazio espositivo di C.AR.M.E., esprimono tre diversi percorsi dei linguaggi attuali:
da Darmstadt, protagonista principale un'installazione multimediale, caratterizzata dall'uso del suono e del video; realizzata attraverso composizioni plastiche di materica intensità, l'opera proveniente da Logroño, indaga la persistenza della scultura; infine, un'installazione pittorica, studio sulla mappa del volto umano quale specchio dell'animo e della spiritualità è l'opera ambasciatrice per Troyes.
La mostra, a cura dell'Associazione Culturale C.AR.M.E., è supportata dal Comune di Brescia e costituisce una imperdibile occasione per il pubblico di avvicinarsi ai linguaggi europei gemellati. All'inaugurazione saranno presenti gli artisti.


DOVE: Brescia
QUANDO: Fino al 03-04-2018
Gabriele Saleri

Ultimo giorno per "In viaggio" esposizione celebrativa dedicata a Gabriele Saleri. Orari: dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18.

Ideata e promossa dall’associazione culturale Artemisia, con la collaborazione del Comune di Bagnolo Mella, la mostra presenta 35 opere appartenenti a vari periodi della lunga carriera artistica del Saleri.
L’idea di questa rassegna nasce durante l’allestimento di una precedente esposizione di Associazione Artemisia e si è consolidata grazie all’apprezzamento del pubblico per le opere di Saleri. Autore di origini Bagnolesi, ha vissuto i primi anni della Sua vita nel nostro comune che conserva memoria in alcune opere e che lui stesso in alcuni quadri ha rappresentato.
Dopo un primo sopralluogo presso lo studio, ancora intatto e curato da parte della figlia Annalisa, si è scelto per un percorso espositivo che indagasse una dimensione del Saleri leggermente meno nota, quella del paesaggista: un’immagine, per così dire, “diversa” dell’artista. Il pubblico si è infatti abituato a conoscere, dalle precedenti rassegne, i classici ritratti e paesaggi bresciani.
In questa esposizione celebrativa, abbiamo preferito sviluppare il tema del “viaggio” che si sviluppa in tre temi: partendo dall’”Acqua” con dipinti di marine, lagune ed isole di fino alla Tunisia con la serie “gli Arabi”. Chiude la mostra il tema della “Terra” con paesaggi antropici. In tutta l’esposizione, il filo conduttore è la volontà di rendere la tavolozza dei colori di Saleri un’esperienza anche sensoriale che degrada, attraverso le pennellate, dall’utilizzo dei colori freddi nei paesaggi marini ai toni caldi del deserto e delle colline.
A cornice dell'evento le sale di Palazzo Brunelli Bertazzoli a Bagnolo Mella, dichiarato nel 2016 il “Palazzo della Cultura” dal sindaco Almici.


DOVE: Bagnolo Mella
QUANDO: 24 marzo
"Poker di donne"

Ultimo giorno dell'esposizione "Poker di donne" dedicata all’arte contemporanea sulla produzione artistica di Franca Pisani, Silvia Gaffurini, Carla Mura e Stefania Pennacchio, dalle 16 alle 19.30.

 


DOVE: Brescia
QUANDO: 25 febbraio
Nein Nein Nein

Ultimo giorno della  35° esposizione d’arte Trip Gallery presenta “Nein Nein Nein” collettivo artistico di contaminazioni e sinergie tra gli artisti Andrea “Zeta” Zagnagnoli, Federico Divari e Paolo Pomati. 

Una convulsa sinergia di esperienze artistiche in balia tra figurativo ed astrazione, surreale ed onirico, salvezza e negazione. E' Proprio sul senso della negazione e della mancata salvezza esistenziale e creativa che I tre incentrano la tematica nella loro folle comunione delle visioni. 

Andrea in arte “Zeta” Comincia a disegnare all'età di cinque anni sperimentando varie tecniche durante il suo percorso(murales, tatuaggi, grafica, pittura, illustrazione), un precoce impulso verso i sentimenti più tetri e le correnti decadentiste.
Fin da subito sente un forte bisogno di esternare i suoi sentimenti e le paure più recondite decidendo di ampliare il suo linguaggio componendo musica e arte.Le sue opere sono viaggi nel tempo e nei sogni che tanto si sforza di capire e controllare. Un viaggio onirico in una veste New Romantic tra il decadentismo di fine Ottocento, gli amori perduti, i miti greci e il futuro che già stiamo vivendo - o credendo di vivere?
Superate quasi totalmente le inibizioni decide di esporre le sue fantasie soltanto nel 2015.

Federico nasce a Montichiari il 16 luglio 1986 autodidatta, privo di qualsiasi rudimento scolastico, si avvicina alla sua particolare tecnica pittorica attraverso visioni estemporanee non premeditate. Il dubbio in pasto alla folla. “Un oscuro sottobosco dell'inconscio visionario, tra l'onirico e la nevrosi, animali..o mali antichi(?) (de)strutturati da una tecnica spaventosa, capace di rappresentare l'immateriale”.

Paolo nasce a Mantova il 06/02/1975 dove nel 2008 ha frequentati l’istituto d’arte.
Fin dalla nascita gli avvenimenti hanno portato l'artista ad avere una visione più sensibile, distorta e profonda di tutto ciò che lo circondava. Ha sempre perseverato nella sua ricerca interiore amplificando la sua sensibilità e le sue profonde emozioni per trasportarle come un riflesso dell'anima sulla tela.
Le sue innumerevoli ricerche e la curiosità, hanno lentamente trascinato l'artista non solo verso la pittura ma anche verso forme artistiche differenti come la poesia, la scultura, la filosofia e la musica...” la naturale esigenza di plasmarsi, concedersi e fondersi per perdersi nell’intensità dei sensi”.
A giugno del 2009, ha partecipato ad un concorso internazionale dove hanno gareggiato più di quattrocento artisti italiani, riuscendo a posizionarsi tra i quindici migliori artisti emergenti, che hanno esposto nello showroom Toyota (adibita a galleria d'arte) a Fukuoka, in Giappone. Questo evento ha consentito uno scambio culturale e artistico tra Italia e Giappone, permettendogli di presentare le sue opere ad una conferenza-stampa promossa da Alessandro Maugeri nella città del Vaticano e successivamente di esporre nella prestigiosa galleria “La Pigna”. Attualmente collabora con la galleria virtuale Firenze Art e con la famosa e prestigiosa Sexy Art Gallery di Amsterdam e ha realizzato la copertina dell’ultimo album del gruppo rock BONA HEAD.


DOVE: Brescia
QUANDO: 18 marzo
"Mario Dondero"

Mostra "Mario Dondero  un uomo, un racconto", fino al 29 aprile da mercoledì a sabato dalle 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 18; domenica dalle 15 alle 19. Chiuso la domenica di Pasqua.

Mario Dondero (1928-2015) è stato uno dei protagonisti del fotogiornalismo italiano.
La mostra propone un viaggio nella poetica e nell'universo di storie raccontate da questo fotografo, inguaribile freelance, che in sessant'anni di lavoro ha sempre rifiutato il legame stabile con un giornale per viaggiare e raccontare il mondo in totale libertà. Ne emerge un appassionante ritratto della cultura europea del secondo Novecento, costruito negli anni con la sua ricchezza di idee e la tensione morale che l'attraversa, a Roma, a Milano, a Parigi e a Londra. Con le immagini di importanti momenti storici come il maggio francese, la caduta del muro di Berlino, i conflitti del Medio Oriente, ma soprattutto il racconto della "storia minuta", della vita quotidiana della gente comune.


DOVE: Montichiari
QUANDO: Fino al 28-04-2018
"Magnifiche presenze"

Fino al 28 febbraio "Magnifiche presenze", due mostre al Vittoriale e a Casa Pascoli per per raccontare il rapporto tra Gabriele d’Annunzio e Giovanni Pascoli attraverso lettere, documenti originali, le ricercate fotografie di Caterina Salvi Westbrooke, i fotogrammi pittorici di Sandra Rigali.

Il Vittoriale e Casa Pascoli accolgono due mostre che propongono lettere, documenti originali, le ricercate fotografie di Caterina Salvi Westbrooke (nel cui catalogo sono accompagnate dal saggio storico-critico di Daniela Marcheschi), i fotogrammi pittorici di Sandra Rigali (con la critica artistica di Beba Marsano).

Le immagini della Salvi Westbrooke ritraggono ed esaltano le dimore dei due poeti. Le sue fotografie consentono di avvicinarsi, con le loro focalizzazioni e i loro scorci significativi, alla ricostruzione e all’interpretazione di quel vero e proprio mondo personale dei due amici, che costituì il vivere «agli antipodi» dei due poeti. Dal colore delle carte alla grafia del documento, all’accostamento di edizioni antiche e meno antiche, è un continuo gioco di rimandi, di richiami allusivi, di saperi rinnovati.
 Il saggio critico di Daniela Marcheschi, che ne introduce il catalogo,  è una originale rilettura “allo specchio” delle esperienze di d’Annunzio e Pascoli, contrassegnata anche dall’individuazione di nuove fonti.
 
Le opere di Sandra Rigali invece sono una carrellata di volti, relazioni, amicizie e carteggi che abbraccia la vita privata e intellettuale dei due protagonisti. La pittrice dà una rilettura soggettiva di momenti topici della vita di d’Annunzio e Pascoli, delle loro passioni, dei loro incontri e dei loro versi. Da una parte Gabriele d'Annunzio eclettico, estroso, dall'altra Giovanni Pascoli, la sua vita ritirata, gli affetti: due Amici, due grandi Poeti che si sono stimati e rispettati per tutta la vita di nuovo insieme in questa mostra, raccontati dalle pennellate energiche e dai colori vibranti di Sandra Rigali.
Il saggio di critica d’arte di Beba Marsano sottolinea la singolarità della rilettura di momenti esistenziali e poetici di Pascoli e d’Annunzio, realizzata nei dipinti di Rigali: un viaggio in technicolor nelle vite dei due amici-nemici,  che fa di due monumenti ammantati da un’aura d’intoccabilità una coppia di icone pop.
 
Magnifiche Presenze è un progetto multidisciplinare ideato da Franca Severini -  studiosa di arte ed editore di ZonaFranca (Lucca), un progetto artistico-letterario e di studio in difesa dell’alta cultura - affinché, attraverso le molteplici rifrazioni interdisciplinari fra arti visive e arti della parola, sia possibile riscoprire il rapporto umano e letterario tra Giovanni Pascoli e Gabriele d’Annunzio e rileggerne l’opera in chiave modernamente attuale.
Il progetto Magnifiche Presenze, che è nato all’insegna della complessità ed è un unicum nel suo genere, prevede fino al gennaio 2018 anche una fitta serie di pubblicazioni, presentazioni, un convegno scientifico (15-16 settembre 2017) e altre varie attività culturali.


DOVE: Gardone Riviera
QUANDO: Fino al 27-02-2018
Nein Nein Nein

La 35° esposizione d’arte Trip Gallery presenta “Nein Nein Nein” collettivo artistico di contaminazioni e sinergie tra gli artisti Andrea “Zeta” Zagnagnoli, Federico Divari e Paolo Pomati. Fino al 18 marzo.

Una convulsa sinergia di esperienze artistiche in balia tra figurativo ed astrazione, surreale ed onirico, salvezza e negazione. E' Proprio sul senso della negazione e della mancata salvezza esistenziale e creativa che I tre incentrano la tematica nella loro folle comunione delle visioni. 

Andrea in arte “Zeta” Comincia a disegnare all'età di cinque anni sperimentando varie tecniche durante il suo percorso(murales, tatuaggi, grafica, pittura, illustrazione), un precoce impulso verso i sentimenti più tetri e le correnti decadentiste.
Fin da subito sente un forte bisogno di esternare i suoi sentimenti e le paure più recondite decidendo di ampliare il suo linguaggio componendo musica e arte.Le sue opere sono viaggi nel tempo e nei sogni che tanto si sforza di capire e controllare. Un viaggio onirico in una veste New Romantic tra il decadentismo di fine Ottocento, gli amori perduti, i miti greci e il futuro che già stiamo vivendo - o credendo di vivere?
Superate quasi totalmente le inibizioni decide di esporre le sue fantasie soltanto nel 2015.

Federico nasce a Montichiari il 16 luglio 1986 autodidatta, privo di qualsiasi rudimento scolastico, si avvicina alla sua particolare tecnica pittorica attraverso visioni estemporanee non premeditate. Il dubbio in pasto alla folla. “Un oscuro sottobosco dell'inconscio visionario, tra l'onirico e la nevrosi, animali..o mali antichi(?) (de)strutturati da una tecnica spaventosa, capace di rappresentare l'immateriale”.

Paolo nasce a Mantova il 06/02/1975 dove nel 2008 ha frequentati l’istituto d’arte.
Fin dalla nascita gli avvenimenti hanno portato l'artista ad avere una visione più sensibile, distorta e profonda di tutto ciò che lo circondava. Ha sempre perseverato nella sua ricerca interiore amplificando la sua sensibilità e le sue profonde emozioni per trasportarle come un riflesso dell'anima sulla tela.
Le sue innumerevoli ricerche e la curiosità, hanno lentamente trascinato l'artista non solo verso la pittura ma anche verso forme artistiche differenti come la poesia, la scultura, la filosofia e la musica...” la naturale esigenza di plasmarsi, concedersi e fondersi per perdersi nell’intensità dei sensi”.
A giugno del 2009, ha partecipato ad un concorso internazionale dove hanno gareggiato più di quattrocento artisti italiani, riuscendo a posizionarsi tra i quindici migliori artisti emergenti, che hanno esposto nello showroom Toyota (adibita a galleria d'arte) a Fukuoka, in Giappone. Questo evento ha consentito uno scambio culturale e artistico tra Italia e Giappone, permettendogli di presentare le sue opere ad una conferenza-stampa promossa da Alessandro Maugeri nella città del Vaticano e successivamente di esporre nella prestigiosa galleria “La Pigna”. Attualmente collabora con la galleria virtuale Firenze Art e con la famosa e prestigiosa Sexy Art Gallery di Amsterdam e ha realizzato la copertina dell’ultimo album del gruppo rock BONA HEAD.


DOVE: Brescia
QUANDO: Fino al 17-03-2018
segnala la pagina ad un amico
Corti Circuiti
Personale fotografica di Nicola Morandini "Corti Circuiti".
"Un anno vissuto pericolosamente"
Fino al 23 febbraio, "Un anno vissuto pericolosamente" (visual art). Orari: da giovedì a s (...)
"La classe operaia va in paradiso"
Per la stagione del CTB in scena "La classe operaia va in paradiso" dal film di Elio Petri (...)
Metamorfosi
Mostra collettiva di Giuseppe William Vezzoli, Angela Corti e Renzo Bertasi "Metamorfosi", (...)
"Rehab"
Party Rehab, uno degli eventi hip hop più affermati e conosciuti in tutta Italia. Come dj (...)
"Il giovedi al museo di sera"
Per "I giovedì al Museo di sera", incontro "Armature da mezzo difensivo a simbolo di prest (...)
Stranpalato House Band
Serata con la Stranpalato House Band.
Daniele Schivardi
L'associazione Movente ospita fino al 30 maggio 2018 la mostra di Daniele Schivardi dal ti (...)
"Enrico Schinetti – … fra i giardini e l'altr ...
Mostra "Enrico Schinetti – … fra i giardini e l'altrove" curata da Marco Ticozzi. Fino al (...)
"Repubblica"
Rappresentazione di "Repubblica, racconto costituzionale per voce e fisarmonica", con Fili (...)
Enrico Brignano
Enrico Brignano in "Enricomincio da me - Unplugged".
Obiettivo sulla guerra
Spettacolo "Obiettivo sulla guerra (1918-2018) - Una conversazione sul tema della guerra a (...)