Il traffico in città: di' la tua!

Ore 13:13 giovedì, 05 marzo 2009
Il traffico in città: di' la tua!

In questi giorni il traffico nelle vie cittadine, ad avviso di molti, è in difficoltà. E' vero o non è vero.

Vota il sondaggio
e esprimi la tua opinione nello spazio commenti.





Discussioni aperte sul tema:



Commenti (17)
coach, martedì 22 dicembre 2009, ore 16:22
Come fanno in Austria? Gomme termiche (da neve) obbligatorie per tutti. Fine dei problemi!
refi, venerdì 27 marzo 2009, ore 21:18
i problemi ci sono ma basta con cartelli"basta traffico"e spedirlo addosso ad altri poi vedi sig.re come dice bene ste che entrano anche in aula con i loro suv per prendere i fgli e farsi notare con i loro mezzi costosi e inquinanti bloccando anche il traffico nonostante il senso unico e non possono dire che le suore non contino dietro l'edificio c'e' spazio per entrata e parcheggio se fosse di mia proprieta' per forza dovrei averli
Ennio Alessandro Rossi, venerdì 27 marzo 2009, ore 13:12
uno dei problemi del traffico e ridurre le auto in circolazione.L'uso della bicicletta o dello car-sharing è sicuramente il migliore per chi ha tempo. Per chi ha fretta, per chi deve portare carichi etc. potrebbe valere una proposta che vi sottopongo apubblica crititca. eccola: PRIMA IDEA (condivisione) la spiego con un esempio: ?Io Rossi Mario sono disponibile a condividere la mia auto e trasportare gratuitamente delle persone , ma come faccio a fidarmi di chi carico o fermami e chiedere ad una signora: scusi, vuole un passaggio.? Questa quantomeno si allarma e pensa chi sa cosa; Io Bianchi Maria vorrei fruire di un passaggio, ma come faccio a chiedere allo sconosciuto ?Rossi? : scusi và forse in centro? mi darebbe un passaggio?-??., magari equivoca?. Finira? che Bianchi Maria usera? la Propria auto, vuoi perche? non puo? permettersi la spesa del Taxi, vuoi perche? ha borse da trasportare, vuoi perche? la fermata dell?autobus è distante da casa o dal luogo di destinazione, vuoi perche? i suoi orari coincidono con l?ora in cui i bus sono stracarichi di studenti, etc. Insomma, ci sono persone sensibili disposte a dare o ricevere passaggi, ma non sanno come incontrarsi o mettersi in contatto. Come superare l?empasse? 1)Il Comune forma un elenco di soggetti disponibili a dare passaggi. Di questi raccoglie documento di identità, targa auto, assicurazione, informazioni penali , copia busta paga etc. Insomma acquisirà documentazione attestante la serietà di ?Rossi Mario? fungendo da ?Garante? verso la signora Bianchi Maria. Specularmente curerà la formazione di un elenco di soggetti disponibili a ricevere passaggi acquisendo documento di identità, certificato Penale, busta paga etc.), fungendo il tal modo da ?Garante? verso Rossi. 2) Il Comune assegna a ?Rossi Mario? (proprietario dell? auto) una quantità di contrassegni a forma di Margherita (identificati da un codice e da posizionare sul cruscotto) e di diverso colore a seconda della zona della città in direrzione della quale Rossi intende andare in quel momento. 3) Il Comune assegna a Bianchi Maria (aspirante ospite) tanti distintivi a forma di ?tulipano? contrassegnati con un codice ed in tanti colori (gli stessi delle margherite) quante sono le zone della città. Bianchi Maria applicherà il distintivo sul bavero del cappotto, o lo estrarrà da tasca quando individuerà il ?Rossi? che và nella direzione di suo interesse. 4)Il Comune consegna a Rossi e Bianchi le istruzioni di funzionamento dell? idea, copia del Codice Della Strada da osservare quando il conducente si arresta per caricare il passeggero. 5)Il Comune pubblica su Internet l?elenco delle persone disponibili in un senso o nell?altro. L?elenco e? consultabile previo invio carta di identita? al Comune che assegna una password. Il Comune tiene aggiornati gli elenchi. In questo sito ognuno potrebbe autorizzare l?inserimento di annotazioni quali: a-?Tutti i Sabato mattina alle 09,00 parto da Via Uberti 12 per recarmi ai Mercati generali. Ritorno verso le 10,30. Interessati telefono:??????..o scrivere??????o inviare email???????.. (ndr: in questo caso si tende a condividere l?auto perche? e? difficile che chi deve caricare cassette di frutta e verdura vada con il mezzo pubblico) b- Tutti i Martedi? vado al supermercato Alfa a fare spese (parto ore 9,00; torno ore 12,00). Ndr: Anche in questo caso, vuoi per la indisponibilità dei bus, vuoi per le numerose borse da caricare il soggetto preferirebbe l?auto- Insomma è preferibile che si sposti una sola auto a pieno carico anzicche? tante con un conducente solo. CONSIDERAZIONI-CONCLUSIONI-VANTAGGI 1) Riduzione del numero di auto in circolazione . Oltre al vantaggio ecologico ,si alleggerirebbe la mole di traffico 2) Risparmio economico (parcheggio, banzina, spese auto) 3) Velocità di spostamento 4) Impegno non vincolante: Se quel dato giorno Rossi non fosse disponibile perché ha la luna storta, sarebbe sufficiente omettesse l?esposizione del contrassegno sul cruscotto, oppure la signora Bianchi basterebbe tenesse il suo distintivo in tasca. 5) Incremento della possibilità di incontri e socializzazioni SECONDA IDEA ?TRASPORTO PRIVATO CON FINALITA? PUBBLICHE Questo tipo di Trasporto? e? gia? utilizzato in Sud_America o in alcuni paesi dell?Est. Si tratta dei c.d. ?colletivos? a combustibile non inquinante. In sostanza il tasporto-passeggeri (ma con spazi per le cose) viene attuato con pulmini condotti da privati in regime di concessione (in Italia potrebbero essere rilasciate concessioni ad hoc solo per pulmini alimentati a Metano) capaci di 9-10 passeggeri, che applicano tariffe molto contenute; caricano dappertutto e tutti, e scaricano il passeggero nel luogo piu? vicino possibile alla sua meta- Sono in sostanza una mezza misura tra il taxi e il bus- Oltre tutto sono piccoli e passano agevolmente nelle vie del centro storico. TERZA IDEA . BUS ?TEMATICI? Anche qui un esempio puo? rendere l?idea. Sul capoluogo tutte le mattine gravano centinaio di professionisti o utenti con il solo intento di frequentare uffici Pubblici. Da punti base (un parcheggio periferico per chi viene in auto , o La Stazione dei Treni e Autobus) ogni 15 minuti a tariffa calmierata parte un pulmino che secondo un percorso logico toccherà gli Uffici Pubblici Principali ove caricherà e scaricherà passeggeri . Il ?circuito chiuso ? si conclude al punto base. Naturalmente il bus tematico potrebbe avere per oggetto altri ? circuiti ?: Bus per far spese nei supemercati, quello per far spese nei negozi del centro, quello che che fa? il giro degli uffici solitamente fraquentati da commercialisti,avvocati,geometri, quello che fa? il giro di Cliniche, Ospedali , Mercati Generali, etc.- Ovviamente tutti gli operatori o le associazioni che traggono potenziale vantaggio dal ? bus tematico? potrebbero contribuire al costo del servizio . che ne pensate? Ennio A. Rossi
Ste, mercoledì 25 marzo 2009, ore 12:29
stiamo solo perdendo tempo in chiacchere. A bs ci sono cittadini di serie A e cittadini di serie B. Perciò se loro decidono cosi, perche il tal assessore o amico dell'assessore ha esigenze diverse dal resto dei cittadini loro incuranti di tutto procedono solo per i loro comodi. Guardate anche la scelta di sensi unici. Via Sorelle Agazzi, via Verginella e via S. Antonio sono un caso eclatante. Questo, ovviamente, per facilitare i vari SUV che devono portare i figli in scuola privata dalle suore in via S. Antonio, lasciando di conseguenza impercorribile via Triumplina nel tratto da via dello Stadio a via Conicchio. Dei nostri commenti si puliscono il ...
Alessandra, lunedì 23 marzo 2009, ore 19:57
Nelle città a noi limitrofe come Mantova, Cremona, Bergamo persino Milano, il centro è chiuso al traffico e i commercianti lavorano ugualmente. Chissà perchè solo a Brescia si deve per forza entrare in città, anzi in negozio, con l'automobile!
velasquez, giovedì 12 marzo 2009, ore 21:20
Ritengo che la nuova amministrazione bresciana,si preoccupi più degli interessi dei commercianti che dei comuni cittadini.Ho lavorato in tante citta del centro-nord.Nessuna ha fatto una politica così stupida e distruttiva.Invece di curare il centro storico e di mantenerlo ben conservato,per l'interesse di pochi,lo sta facendo invadere dalle auto,invece di obbligare gli automobilsti a parcheggiare nei tanti silos che esistono in città. e il dramma è che non si vede un solo vigile a controllare almeno il rispetto del codice! Stiamo arrivando al caos più completo. Ovvio che poi le manutenzioni strade o diventano più onerose oppure diventano,a pari costo,poco significative. Vorrò vederli quando vi sarà un tasso di inquinamento elevato,cosa decideranno di fare...Sono convinto che arriveranno a modificare gli standard di sicurezza.
alfeo, lunedì 09 marzo 2009, ore 23:24
Negli ultimi mesi il traffico è diventato molto più caotico. Parcheggi selvaggi come non si vedevano da tempo. Bisogna eliminare dal centro tutti i SUV e simili. Occupano molto più spazio delle vetture normali, cioè come un furgone da lavoro, sia quando sono in movimento che quando parcheggiano, senza parlare dell'inquinamento
andrea, lunedì 09 marzo 2009, ore 19:15
Purtroppo, in orario d'ufficio il posteggio del centro diventano i quartieri circostanti... A me sembra che il centro sia FIN TROPPO frequentato. Io comincerei a decentrare un po', a partire dagli investimenti infrastrutturali.


< Indietro