vai alla Home Page
Google
  cerca
Luciano Salomoni Palazzo
Le Foto di BOL
ANNUNCI
BRESCIA NON PROFIT
CONOSCI IL TERRITORIO
FORMAZIONE E LAVORO
SPORT
TEMPO LIBERO
FORMAZIONE E LAVORO
SONDAGGIO

Ue: via libera a orari di lavoro oltre le 48 ore. Sei d'accordo?

1 Si
2 No

[ Vedi i risultati ]
[ Archivio sondaggi ]
Numerica

image

Curriculum vitae: bello fuori, buono dentro

Il check up del tuo curriculum vitae

Consigli per un colloquio

Lezioni di lingua aziendalese (parte 1)

Lezioni di lingua aziendalese (parte 2)

Curriculum, i segreti per fare colpo!

Curriculum, accompagnalo bene!
COVER LETTER, ISTRUZIONI PER L'USO


Come promesso, ecco alcune indicazioni pratiche per la stesura della lettera di accompagnamento del curriculum vitae…

Indicazioni di forma…

1) Facilità di lettura

- non bisognerebbe impiegare più di 30 secondi a leggere il testo
- le frasi scorrono più rapidamente se sono più brevi di 20 parole
- i paragrafi dovrebbero essere sintetici e focalizzati
- ogni paragrafo dovrebbe essere riassunto da una chiara frase di apertura

2) Stile

- gli standard preconfezionati equivalgono ad uno spreco
- i riferimenti alle inserzioni dovrebbero essere inseriti al di fuori del testo principale
- lo stile dovrebbe essere semplice e rivelare un approccio ai problemi chiaro e professionale
- una frase molto breve e ad effetto ravviva il tono della lettera, trasmettendo un senso di energia
o attenzione a sopra e sottovalutarvi: culture nazionali differenti (es. Norvegia e Stati Uniti) hanno diverse regole in proposito

Indicazioni di contenuto…

Lo scopo della lettera è di fornire due tipi di informazioni:

a) Qualificazioni ed esperienze: ricordatevi che le informazioni relative a questo sono contenute nel vostro CV. Nella lettera di accompagnamento dovete fare qualcosa in più di riassumerle. Dovete fornire maggiore focalizzazione.

Siate molto concreti e selettivi circa le informazioni da sottolineare nella lettera: pochi riferimenti valgono moltissimo, se accuratamente scelti ed utilizzati. Pensate al profilo della posizione ed alle possibili necessità del particolare ambiente di lavoro a cui vi state rivolgendo. Evidenziate dei collegamenti espliciti tra la vostra esperienza, la posizione oggetto della ricerca ed il contesto di riferimento.

L’esperienza è molto più rilevante se sostenuta da risultati. Perciò menzionate le vostre realizzazioni concrete, qualora siano inerenti al lavoro per cui vi candidate. Un pizzico di cautela, però. State attenti a non esagerare il vostro ruolo. I selezionatori cercano solitamente persone gestibili nell’ambito di un gruppo di lavoro, non delle “primedonne”.

b) Motivazione e personalità: attenzione alle parole vuote ed alle astrazioni. Il vostro desiderio di entrare a far parte di un’azienda dovrebbe essere ben motivato. Una sorta di alchimia ben riuscita tra voi e l’ambiente presente in quella Società. Se non state scrivendo ad un “cacciatore di teste” che opera per conto di clienti per il momento anonimi, potete acquisire qualche informazione sull’azienda-obiettivo. Che percentuale del fatturato viene spesa in ricerca e sviluppo o in marketing? Quali sono le loro strategie, risultati, obiettivi? Che cosa dice la stampa? Queste sono le fonti da cui potete trarre ragioni di concreto interesse in un’azienda. Menzionatele brevemente nella lettera di accompagnamento. Vale come prova del fatto che voi prendete le decisioni importanti con razionalità. Per avere maggior impatto potreste aprire la lettera con la vostra motivazione a seguire l’azienda, piuttosto che con la vostra esperienza e le vostre qualifiche.

E’ tutto. Si tratta in maggior parte di buon senso, ma basterà seguire queste indicazioni e farete già più della maggior parte dei candidati!


In collaborazione con Iocap


versione per la stampa
segnala la pagina ad un amico