vai alla Home Page
Google
  cerca
Vittorio Franzoni Gioia
Le Foto di BOL
ANNUNCI
BRESCIA NON PROFIT
CONOSCI IL TERRITORIO
FORMAZIONE E LAVORO
SPORT
TEMPO LIBERO
TEMPO LIBERO
Acquista i biglietti online: concerti, spettacoli teatrali e sportivi ...

Le mostre a Brescia e provincia...

Numerica
VIAGGIARE

Centri benessere, beauty farm e terme...


30 31 1 2 3 4 5

Annullato il previsto evento "La grande notte del jazz".

...

Ristoranti
Agriturismo
Pizzerie
Trattorie

Gli appuntamenti in programma a Brescia e provincia.

Conferenze, convegni e incontri ...
In esclusiva con BresciaOnLine il catalogo completo della biblioteca Queriniana di Brescia.
MUSICA
HOBBY E COLLEZIONISMO
L’HIGHTECH VINCE IL MURO DEL SILENZIO

La sordita’ e’ una invalidita’ severa e subdola che isola pian piano chi ne soffre dalla comprensione degli altri e dal resto del mondo.
Si stima che in Italia il 18% della popolazione adulta, 8 milioni circa di persone, presenti un deficit uditivo causato, nella maggior parte dei casi, dall’ avanzare dell’ eta’; percentuale questa  destinata inevitabilmente ad aumentare con l’ allungamento della vita media. Gia’ oggi una persona su tre, al di sopra dei 65 anni, soffre di sordita’.
Mentre pero’ la sordita’ nella persona adulta e’ facilmente individuabile, diagnosticabile e curabile nella maggior parte dei casi, nei bambini il problema si fa molto serio perche’ compromette l’ apprendimento del linguaggio verbale e lo sviluppo psicologico-cognitivo. Ogni anno, un bambino su 300/ 350 circa viene alla luce con problemi di udito ed uno su 1000/ 1500 presenta una sordita’ profonda alla nascita. Il linguaggio e’ l’espressione di molteplici funzioni e lo si acquisisce spontaneamente, in presenza di una completa integrita’ psico-fisica, attraverso un processo di decodificazione dei messaggi verbali ricevuti; solo dopo questo processo, si puo’ essere capaci di riprodurlo. Ma, se a questa sequenza di eventi togliamo quello fondamentale della ricezione, tutto il resto del processo non puo’ svolgersi. Il risultato di questo black-out sonoro e’ il silenzio e l’ isolamento che nel tempo portano ad un’ alterazione globale dello sviluppo della personalita’ del bambino al quale sin dalla  piu’ tenera eta’ viene a mancare il suono amorevole e rassicurante della voce materna. Oggi pero’ qualcosa sta cambiando sia nella diagnosi precoce che nella cura delle sordita’, di qualsiasi tipo esse siano e a qualsiasi eta’ si manifestino ed ancora una volta la scienza medica e quella tecnologica vanno a braccetto; molti nuovi ausilii tecnologici infatti consentono di esplorare le capacita’ uditive in modo obiettivo sin dai primi giorni di vita. La diagnosi sicura e precisa di una perdita uditiva nel neonato e’ molto importante anche per l’impatto emotivo che tale notizia genera nei familiari e per la necessita’ urgente di impostare un programma di riabilitazione con protesi acustiche a tecnologia digitale o con i piu’ recenti interventi di impianto cocleare: il cosidetto orecchio bionico, grazie al quale e’ crollato il muro del silenzio che ha isolato per tanti anni migliaia di bambini dal resto del mondo.
Delle nuove tecnologie, dei nuovi ausilii uditivi, dei programmi riabilitativi, del delicatissimo compito sociale di reinserimento dei bambini affetti da deficit uditivo, si parlera’ in trasmissione con i seguenti ospiti:

Dott. Diego Zanetti, aiuto della Clinica Otorinolaringoiatria dell’ Universita’ degli Studi di Brescia, responsabile del programma di impianti cocleari Azienda Ospedaliera “ Spedali Civili “ di Brescia
Dott. ssa Maria Grazia Barezzani, specialista in Otorinolaringoiatria e Foniatria presso il servizio di Audiofoniatria dell’Ospedale dei Bambini, Azienda Ospedaliera “ Spedali Civili “ di Brescia
Per la rubrica “ le interviste di Panacea “ questa sera vi proponiamo un incontro con la dott.ssa Chiara Bulgarini, Presidente della Associazione “ Essere Famiglia Oggi “ e della realta’ da lei  creata dal nome:“ C’era una volta”



versione per la stampa