Ascolta Radio Bresciasette
Radio Bresciasette
Ascolta Radio Bresciasette
Radio Classica Bresciana

Verso la salute globale

Ore 15:01 lunedì, 21 novembre 2011
Verso la salute globale
A Lindau dal 26 giugno al 1 Luglio è stata di scena la Scienza. La graziosa cittadina della Baviera che si specchia nel lago di Costanza, ha infatti  ospitato  il sessantunesimo " Meeting dei Nobel Laureates"  in cui  24 Premi Nobel  hanno incontrato 570 giovani ricercatori di 80 Paesi, selezionati  rigorosamente da commissioni  internazionali per  dialogare e confrontarsi con i più grandi scienziati viventi.
Il primo meeting a Lindau fu organizzato nel 1951 per riabilitare il mondo scientifico tedesco agli occhi del mondo, dopo gli orrori della seconda guerra mondiale. Sono trascorsi 60 anni e i temi dibattuti sono quelli che hanno cambiato le sorti dell'umanità nei differenti settori: salute, ambiente, energia, commercio internazionale, competitività, mercati del lavoro, innovazioni delle ricerche di base ed applicate.
Quest'anno il prestigioso Meeting è stato dedicato alla salute globale. Lo stesso Bill Gates, domenica 26 giugno durante la  cerimonia inaugurale nella Inselhalle, ha ribadito il concetto affermando che l' uomo oggi ha l'opportunità di creare un nuovo futuro nel quale la salute di tutti i popoli  rappresenta la pietra angolare della prosperità globale "Per raggiungere l' obiettivo. Il magnate americano ha assicurato un forte investimento entro il 2020 nella ricerca, sviluppo e distribuzione dei vaccini che, parola di Bill Gates, "rappresentano lo strumento più efficace e conveniente mai inventato per la salute dell' uomo con i quali si arriverà a spezzare il circolo vizioso della povertà e della malattia" . Per questo La Fondazione "Bill & Melinda Gates" dal 1994 sostiene numerosi progetti volti ad aiutare i Paesi emergenti nella lotta contro l'Aids, la tbc, la malaria.

 Ma la salute dell' uomo moderno è messa in serio pericolo da altre malattie che non sono causate né da virus né da batteri. Sono le così dette " malattie non trasmissibili " che, negli ultimi anni, stanno superando per incidenza e gravità quelle infettive. E parliamo qui delle malattie cardio-cerebro-vascolari (infarto, icuts, ipertensione) del diabete, dell'obesità, delle broncopneumopatie croniche, di alcune forme tumorali, delle malattie neurodegenerative (malattia di Alzheimer, morbo di Parkinson, demenza).A detta degli esperti, queste malattie, se non opportunamente contrastate da accorte politiche di prevenzione primaria e secondaria, rischiano di portare al collasso le economie più forti dei paesi occidentali. Buone speranze per migliorare la salute dell'uomo vengono anche dalla ricerca di nuovi antibiotici, indispensabili perché un numero sempre maggiore di ceppi di batteri sta mostrando resistenza verso farmaci che, sino a pochi anni or sono, erano efficaci e potenti.

 A Lindau, erano presenti i Premi Nobel per la Chimica, Ada Yonath eThomas Steitz  che hanno presentato le loro ultime ricerche sui processi di sintesi di nuovi antibiotici, sostanze attive che  attaccano i batteri a livello dei loro ribosomi. In particolare Thomas Steitz ha presentato la sua lettura "Dalla struttura del ribosoma alla progettazione di Nuovi Antibiotici". "La razza umana necessita urgentemente di nuovi antibiotici" avverte Margaret Chan, direttore generale della Organizzazione Mondiale della Sanità " Il mondo sta per perdere queste cure miracolose".
Aaron Ciechanover, Nobel per la Chimica 2004,  nella sua relazione "Il sistema proteolitico dell'Ubiquitina e Proteosoma per lo sviluppo di Nuovi Farmaci", ha presentato le indicazioni per le quali il complesso proteico Ubiquitina-Proteosoma è potenzialmente adatto come obiettivo per nuovi farmaci.


Panacea propone filmati su Lindau e interviste realizzate con il premio Nobel Aaron Ciechanover in Lindau e a Brescia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell' Università, in occasione del recente Symposium sulla ricerca delle lesioni del midollo spinale organizzato dalla Fondazione Giorgio Brunelli.
Ospite in studio per parlare della salute globale e di come interrompere il circolo vizioso tra povertà e malattie.

Il prof. Francesco Castelli
Direttore dell' Istituto delle malattie infettive e tropicale dell' Università degli Studi di Brescia, Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia.  Direttore del Dipartimento Materno-Infantile dell' Università degli Studi di Brescia. Presidente della Medicus Mundi



< Indietro