Ascolta Radio Bresciasette
Radio Bresciasette
Ascolta Radio Bresciasette
Radio Classica Bresciana

Il lato Dolce della Vita

Ore 10:15 martedì, 24 gennaio 2012
Il lato Dolce della Vita
 Il Natale è appena trascorso con i suoi panettoni, pandori, torroni e mandorlati vari che già dalle vetrine tentatrici dei pasticceri fanno occhiolino le frittelle e le chiacchiere del Carnevale e poco dopo arriveranno le uova pasquali di cioccolato fondente e al latte, decorate e non.

Insomma tutto serve a rallegrare spirito e palato nei giorni delle ricorrenze quando è tanta la voglia di sentirsi in pace col mondo e con se stessi. Di fatto la tradizione dolciaria italiana è tra le più ricche e fantasiose al mondo e, soprattutto, tra le più buone. Di quella bontà che cattura le prime papille gustative per guadagnare poi il cervello dove segue le strade del benessere pressocchè totale.

Tanto è il potere del dolce; che ci venga da una zolletta di zucchero piuttosto che da una bella fetta di torta al cioccolato il palato è servito, il piacere soddisfatto. Ma tutto ha un prezzo e, al di là di quello che si spende per un piccolo vassoio di pasticcini nella pasticceria più rinomata della città, quello più alto da pagare è il lavoro energetico da compiere dopo aver introdotto prelibatezze e relative calorie.

Per maggiore chiarezza forse è il caso di dare alcuni dati: 100 gr. di panettone forniscono, nelle diverse tipologie, da circa 330 a oltre 500 Kcal, 100 gr di torrone alle mandorle circa 480 Kcal, 50 gr. di cioccolato fondente circa 250 Kcal. Risparmiamo al lettore il calcolo dell'attività fisica da compiere per smaltirle e pensiamo invece al lato dolce della vita. Il cioccolato fa bene. Chimicamente e psichicamente bene, insomma è il farmaco antidepressivo più buono che ci sia sulla faccia della terra. Come ti gratifica il cioccolato, sanno farlo poche altre cose e persone nella vita. E già il suo nome botanico è tutto un programma: Theobroma cacao, daTheos, Dio in greco e Broma, il nostro nutrimento. Cos'è dunque che rende un alimento adatto al palato degli Dei? Probabilmente non tanto la sua rarità, quanto la capacità di indurre sensazioni di completo benessere e provocare stati di cognizione ultraterrena.

Perché il cioccolato piace agli Dei come ai comuni mortali, agli adulti come ai bambini. Qual'è il suo segreto? La ricerca moderna ha dimostrato che il cioccolato è un prodotto complesso che contiene circa 380 sostanze chimiche note. Il suo valore antidepressivo ha dunque basi neurofisiologiche, in quanto la presenza di alcune sostanze psicoattive (teobromina, caffeina, fenilalanina, tiroxina e triptofano) spiegherebbe l'efficacia del cioccolato nel contrastare stati di ansietà e di depressione, nell'indurre sensazioni di piacere, benessere fisico e psichico, nell'aiutare a riconquistare l'autostima perduta e nel farci recuperare felicità e benessere.

Esiste evidenza scientifica che gli effetti positivi del cioccolato nel curare il mal d' amore siano dovuti alla stessa sostanza chimica che il cervello produce quando ci innamoriamo (un neuromediatore denominato Dopamina) e che il cioccolato prolunghi lo stato di benessere che viviamo quando siamo innamorati. La serotonina libera invece le endorfine migliorando il tono dell'umore ed arginando gli stati depressivi. Ad avvalorare questa tesi, ricordiamo che i farmaci antidepressivi di ultima generazione innalzano i livelli di serotonina cerebrale.

Un recente studio associa l'azione della cioccolata addirittura a quella della marijuana, e per esser precisi del suo principio attivo, il tetraidrocannabinolo (Thc), che avrebbe un suo equivalente naturale nel nostro cervello, un neurotrasmettitore chiamato anandamide, collegato a forti sensazioni di benessere, picchi di euforia e alterazione della cognizione del tempo. E non è finita: oltre al cervello il cioccolato fa bene anche al cuore, alla circolazione ed è anche ricco di sostanze anti-ossidanti; non ultimo...non fa venire i brufoli, come erroneamente si è creduto per un certo periodo.

Insomma viva il cioccolato e... non facciamoci prendere da inutili sensi di colpa. Gustiamo anche il lato dolce della vita. Delle differenti e importanti valenze che il " dolce " ha nella nostra cultura e nella vita di ognuno di noi si parlerà a Panacea con i seguenti ospiti presenti in studio:

Iginio Massari, Maestro pasticciere, dott. Honoris Causa in Scienze dell'Arte Culinaria dell' Univ. Europea Jean Monnet di Bruxelles

Andrea Poli, Direttore scientifico della Nutrition Foundation of Italy

In collegamento telefonico il dott. Willy Pasini (sessuologo e psichiatra).

ZUCCHERO di Iginio Massari

Errante, pellegrino,/ scontento, solo/ per le vie senza meta/ dai miei pensieri/ vagabondo. Senza riposo. A ritroso/ i miei passi si trascinano/ fino a te,/ ricordo dolce/ dolce ricordo. Dolce come i miei pensieri,/ d'ieri, di oggi e di domani./ No !/ Non sfuggir dalle mie mani. E vecchi giochi, giostre, fiere, tornei/ affiorano/ sul mio viso/ che affonda/ nella tua nuvola di zucchero/ rarefatta . E antiche feste-le stesse-/ si ripetono nel tempo/ al mio sguardo/ sgranato/ sul velo di zucchero/ del tondo solare/ della torta/ sparso/ quasi per gioco. E sono il bambino di allora/ aggrappato al seno/ che cerco,/ forza dei miei desideri/ di dolce sorriso,/ nutrimento dolce sai dare. Ma tu parli di tutto per parlare/ e di niente per osare./ Ritraggo ogni mia emozione/ scopro che di te si dice :/ è regola generale/ lo zucchero fa male ! D'altronde è proverbiale/ chi parla di te,/ ne sa poco/ e male. Sei di materia condensata,/ meriti di essere/ analizzata./ Dagl'inferi ai cieli eterni/ con il Dolce e amaro/ tu governi. Le mie bianche luminescenti stelle/ sono la tua polvere o forse/ la nebbia dei tuoi pensieri/ di ieri Oggi/ con il sole davanti/ le spalle, verso il mare/ stai imparando con me/ a camminare. È il vento/ che ci solletica il vestito/e la bustina di zucchero che/ per gioco/ ne rovesciamo un poco. La sabbia bianca,/ sequenze di vittorie/ sulle menti/ turbate da tormenti,/ lasciamo che scorra/ fra le mani,/ è di zucchero/ la dolce clessidra del domani...



< Indietro
Gli animali nell'arte
Mostra "Gli animali nell'arte - dal Rinascimento a Ceruti". Orari: mercoledì, giovedì e ve (...)
Armida Gandini / "Di moto infinito"
Fino al 1 giugno, mostra "Di moto infinito", opere di Armida Gandini vincitrice della seco (...)
"La stanza dei fiori"
Mostra "La stanza dei fiori", pittrici botaniche nell'Ottocento francese, opere da collezi (...)
"Art Glass" Domus dell'Ortaglia / speciale 25 ...
Due giornate speciali per lo straordinario tour virtuale nell'antica Brixia: alle 11.30, 1 (...)
"Presentazione al tempio" del Perugino
Dal 9 aprile al 21 luglio 2019 la Pinacoteca ospiterà la "Presentazione al tempio" di Piet (...)
"Emozioni su tela"
Mostra personale di pittura "Emozioni su tela" di Ulisse Gualtieri. Tutti i giorni con ora (...)
Banda cittadina in concerto per il 25 aprile
Anche quest'anno l'Associazione Filarmonica "Isidoro Capitanio" Banda cittadina di Brescia (...)
PRENOTAZIONI PER "Le amiche che non ho più. L ...
Per "Il filo delle idee", lunedì 6 maggio alle 18.00 avrà luogo la presentazione del libro (...)
25 aprile
Per il 74° anniversario della Liberazione, l'Anpi invita alle celebrazioni del 25 aprile. (...)
"Talent music master concerts"
Per la stagione concertistica "Talent music master concerts", appuntamento con il concerto (...)