vai alla Home Page
Google
  cerca
Vittorio Franzoni Gioia
Le Foto di BOL
ANNUNCI
BRESCIA NON PROFIT
CONOSCI IL TERRITORIO
FORMAZIONE E LAVORO
SPORT
TEMPO LIBERO
TEMPO LIBERO
Acquista i biglietti online: concerti, spettacoli teatrali e sportivi ...

Le mostre a Brescia e provincia...

Numerica
VIAGGIARE

Centri benessere, beauty farm e terme...


23 24 25 26 27 28 29

Annullato il previsto evento "La grande notte del jazz".

...

Ristoranti
Agriturismo
Pizzerie
Trattorie

Gli appuntamenti in programma a Brescia e provincia.

Conferenze, convegni e incontri ...
In esclusiva con BresciaOnLine il catalogo completo della biblioteca Queriniana di Brescia.
MUSICA
HOBBY E COLLEZIONISMO
UNIVERSO DONNA

Chi dice donna dice danno. Il silenzio da’ alle donne la grazia che loro si addice ( Sofocle ). Mulier: malum necessarium ( Gallio ). Mulier cum sola cogitat, male cogitat ( Siro ). Donna al volante pericolo costante.

Quanti altri detti, aforismi, sono stati scritti sulle donne? Un’ infinita’. Inutile persino ricordarli. Stupide cose per indicare comunque che la donna con la testa non ci sta. E forse e’ vero. Ma per mille e una ragione. Ad Oriana Fallaci, che le chiedeva se essere donna e’ piu’ difficile che essere uomo, Golda Meir, rispondeva “ Piu’ difficile, piu’  faticoso, più penoso. Ma non necessariamente per colpa degli uomini: per ragioni biologiche, direi. A partorire infatti è una donna. Ad allevare i figli è la donna. E quando una donna non vuole solo partorire figli, allevare figli... quando una donna vuole anche lavorare, essere qualcuno... beh, è duro. duro, duro. Lo so per esperienza personale. Sei al lavoro e pensi ai figli. Sei a casa e pensi al lavoro che non stai facendo. Si scatena una tale lotta dentro di te. Il tuo cuore va in pezzi ..."
Golda Meier non sapeva allora quanto fosse andata vicino al vero. Perche’ e’ proprio cosi’, la donna per eccessivo stress, puo’ anche morire di crepacuore. Oggi la Scienza lo sa e sa anche che il cuore delle donne non e’ uguale a quello degli uomini.
Cosi’ come altri organi e tessuti. Eppure quando la donna ammala riceve lo stesso trattamento riservato all’ uomo. Stesso iter diagnostico- terapeutico, stessi farmaci, stesse modalita’ di interventi chirurgici; eccezion fatta, ovviamente, per quelli riguardanti l’ apparato riproduttivo.

Sono trascorsi piu’ di 30 anni dall’ intervista della Fallaci a Golda Meir e da allora molte cose sono cambiate. Oggi, nei paesi occidentali, una percentuale altissima di donne lavora ed alcuni campi specifici sono praticamente diventati al femminile. Ma, oggi piu’ di ieri,  il prezzo da pagare per la donna e’ molto alto. E per molte ragioni. La donna che lavora in ambienti e situazioni una volta riservati solo agli uomini e’ realmente accettata ? Ha realmente le stesse opportunita’ di carriera, pari a quelle del collega della scrivania accanto? Quale sara’ il destino di Maria, studentessa modello, laureata con 110 e lode alla Facolta’ di Medicina e Chirurgia di Padova, con al suo attivo due specilita’ ed un dottorato di ricerca ? Sino a quale gradino della scala dirigenziale potra’ arrivare?  Come la donna di oggi  riesce a prendersi cura del lavoro, della casa, della famiglia, dei genitori anziani senza fare i costi con il proprio stato di salute psico-fisico? Quali sono gli strumenti di conciliazione messi a sua disposizione  per aiutarla a gestire i numerosi impegni quotidiani? Come le Istituzioni tutelano la salute della donna soprattutto per quanto riguarda le malattie che piu’ di frequente la colpiscono? Quando si parla di donne e salute  normalmente si pensa - in termini circoscritti - ai problemi tipicamente femminili, legati a specifiche parti del corpo (seno, apparato riproduttivo) o a particolari momenti della vita di una donna (parto, aborto, menopausa). Non e’ cosi’! Non e’ solo cosi !
L’ Universo Donna e’ ben piu’ ampio e ci comprende, parimenti, tutti.
Di donne, di pari opportunita’ nella gestione della loro salute e del loro lavoro, soprattutto in ambito medico, si parlera’ in trasmissione con i seguenti relatori:

Dott.ssa AnnaMaria Indelicato, Direttore Sanitario dell’ A.S.L. di Brescia
Dott. Ovidio Brignoli, Medico di Medicina Generale, Vice-Presidente della S.I.M.G.
Dott.ssa Annalisa Voltolini, medico-chirurgo, Presidente Comitato Pari-Opportunita’ Azienda Ospedaliera “ Spedali Civili “ di Bs, Consigliera Provinciale, Componente Consulta Nazionale Pari-Opportunita’
Prof. Andrea Poli, Direttore Scientifico della Fondazione Italiana per il Cuore
Prof. Sergio Cosciani Cunico, Direttore della Clinica Urologia dell’ Univ. Degli studi di Bs, Responsabile dell’ Unita’ Operativa Complessa di Urologia dell’ Azienda Ospedaliera “ Spedali Civili” di Bs.



versione per la stampa