vai alla Home Page
Google
  cerca
Vittorio Franzoni Gioia
Le Foto di BOL
ANNUNCI
BRESCIA NON PROFIT
CONOSCI IL TERRITORIO
FORMAZIONE E LAVORO
SPORT
TEMPO LIBERO
TEMPO LIBERO
Acquista i biglietti online: concerti, spettacoli teatrali e sportivi ...

Le mostre a Brescia e provincia...

Numerica
VIAGGIARE

Centri benessere, beauty farm e terme...


10 11 12 13 14 15 16

Live di Lara Iacovini accompagnata dal suo quartetto nel concerto dal titolo "Right Together" tra jazz, s...

Ristoranti
Agriturismo
Pizzerie
Trattorie

Gli appuntamenti in programma a Brescia e provincia.

Conferenze, convegni e incontri ...
In esclusiva con BresciaOnLine il catalogo completo della biblioteca Queriniana di Brescia.
MUSICA
HOBBY E COLLEZIONISMO
image
I GRANDI QUIZ DELLA TV

(Immagine da www.teche.rai.it)

Da Duecento al secondo a Il pranzo è servito, passando per Lascia o raddoppia?, ecco le più importanti trasmissioni televisive nella storia del quiz.

Duecento al secondo (1955)
Condotto dal grande Mario Riva, Duecento al secondo è il primo gioco a premi proposto dalla televisione italiana. Una curiosità: fu sospeso dopo sole quindici puntate a causa della severe penalità inflitte ai concorrenti.

Lascia e raddoppia? (1956)
Condotto da Mike Bongiorno, è la prima trasmissione entrata nell’immaginario collettivo degli italiani. La vincita massima era di 5 milioni e 250.000 lire; se il concorrente al raddoppio finale decideva di lasciare, poteva ritirare una Fiat 600. 

Il Musichiere (1957)
Con Mario Riva al timone, la televisione italiana scopre la canzonetta e presenta questo gioco musicale a premi. L’orchestra suona poche note e i due concorrenti scattano per suonare per primi una campana e acquisire il diritto di rispondere. Passa alla storia il “Nientepopodimenoché” di Riva.

Campanile Sera (1959)
E’ il primo esempio di Tv del campanile. Presentato da Mike Bongiorno con Enzo Tortora e Renato Tagliani, sono le realtà locali ad irrompere sul grande schermo: due inviati speciali del Campanile si confrontano per aggiudicarsi la sfida. Attenzione! Per i concorrenti nessuna vincita, se non il rimborso spese.

Rischiatutto (1970)
Questo gioco, condotto da Mike, è basato sul fattore rischio e deve la sua fortuna, oltre alla bravura del presentatore, al suo supercampione, esperto di parapsicologia, e a Sabina Ciuffini, una delle vallette più celebri.

Spaccaquindici (1975)
E’ il trampolino di lancio per Pippo Baudo che “sfonda” nel mondo dei quiz. Alla fine dell'anno la trasmissione diventò "Un colpo di fortuna" e prese il posto di "Canzonissima".

Scommettiamo? (1978)
Ancora Mike Bongiorno. Nel quiz bisognava scegliere tra tre differenti tipi di risposte. E' rimasta celebre la mascotte del programma: il cavallino Michele, la cui riproduzione andava a ruba nei negozi di giocattoli.

Il pranzo è servito (1982)
Il quiz è un prototipo acquistato da Canale 5 e lanciato al successo in Italia da Corrado, una delle figure più amate dagli spettatori, dopo otto anni sostituito da Lippi. Si tratta di un gioco veloce e semplice, in cui i concorrenti, per vincere, devono completare un pranzo completo. Ideale per le famiglie.

Ok il prezzo è giusto (1983)
E’ la traduzione italiana del gioco americano The price is right. Condotto da Gigi Sabati e poi da Iva Zanicchi, ricorda la piazza di un mercato di paese. Vince chi si avvicina al prezzo giusto.

Il gioco delle coppie (1985)
Condotto da Marco Predolin e poi da Corrado Tedeschi, il gioco consiste in ciò, che il concorrente deve scegliere tra persone di sesso opposto quella da portare in vacanza. La scelta è ovviamente a scatola chiusa o quasi!

Tra moglie e marito (1986)
La trasmissione decreta il successo personale di Marco Columbro. E’ un gioco-talk show, in cui le tre coppie in lizza raccontano e si raccontano al pubblico. Vince chi indovina più risposte fornite dal proprio consorte.

TeleMike (1987)
Un vero successo: questo programma, di cui Mike era autore e conduttore, durò 200 puntate, dal 1987 al 1992. Perché? Il segreto sta nel fatto che TeleMike non era solo un quiz ma anche un "gioco-spettacolo", con tanti giochi e tanti ospiti a dare slancio e lustro alla trasmissione.

PER APPROFONDIRE:

Teche Rai

Cinemando.com



versione per la stampa