vai alla Home Page
Google
  cerca
Max Russo Alba
Le Foto di BOL
ANNUNCI
BRESCIA NON PROFIT
CONOSCI IL TERRITORIO
FORMAZIONE E LAVORO
SPORT
TEMPO LIBERO
VISITARE BRESCIA

Ristoranti
Agriturismo
Pizzerie
Trattorie

DOVE DORMIRE
HOTEL IN PRIMO PIANO
B&B IN PRIMO PIANO
DOVE MANGIARE
DOVE DORMIRE
ITINERARI
E-MAIL
Numerica
ENOGASTRONOMIA
image
Le denominazioni di origine del Bresciano


I VINI

Doc e Docg

Botticino
Coltivato in quella che è forse la più piccola area di produzione vitivinicola doc del Bresciano, il Botticino è ottenuto da uvaggio di Barbera (30%), Marzemino (20%), varietà locale dal colore e dall'aroma tipici, Sangiovese (10%), e Schiava Gentile in piccola percentuale (10%).
Le migliori partite di Botticino sono denominate, dopo due anni di invecchiamento in botti di legno, «Riserva».

Capriano del Colle
Il Capriano del Colle Bianco è ottenuto principalmente da uvaggio di trebbiano di alta qualità, lo stesso coltivato anche in Lugana (85%). 
Si distingue in novello, rosso e riserva.

Cellatica
Le viti da cui si estrae crescono sulle pendici delle colline che sorgono nei territori di Cellatica, Collebeato, Gussago e Rodengo Saiano. Al Marzemino e al Barbera sono aggiunte piccole percentuali di Incrocio Terzi, (derivante dall’incrocio di Barbera e Cabernet Franc), e Schiava Gentile. Ne deriva un vino rosso piacevole e ricco.
Produzioni selezionate vanno, dopo almeno un anno di invecchiamento, ad assumere l’etichetta della tipologia «Superiore».

Franciacorta
Le pregiate «bollicine» prendono il nome dalla zona in cui si estendono i vitigni da cui trae origine: la Franciacorta, compresa tra i monti di Brescia e il Sebino.
La denomiazione è quella del Franciacorta Docg, (Denominazione di origine controllata e garantita).
Uve vendemmiate a mano e elaborate con metodi rigorosi, forniscono un vino ormai affermato in tutto il mondo.
 
Garda Classico 
Sulle colline della Valtenesi si concentra la produzione del Garda Classico Bresciano, così chiamato perché imbottigliato secondo i medesimi criteri fin dal 1967.
Peculiarità del disciplinare di produzione è quello di includere differenti tipologie di vini dagli alti livelli qualitativi, rispecchiando la varietà del panorama viticolo locale.

Lugana
I vini Lugana Doc derivano da una particolare varietà locale di trebbiano, selezionato in secoli di costante impegno, coltivato in una piccola, area che sorge sulla sponda meridionale del lago di Garda (da Desenzano a Sirmione e Peschiera, lambendo zone più interne, come Pozzolengo e Lonato).

S. Martino della Battaglia
Accanto alle colline moreniche gardesane, sorge S. Martino della Battaglia, dove il Tocai del Friuli ha trovato il proprio ambiente ideale.
Alle ridotte quantità annualmente prodotte, fa fronte un alto livello qualitativo.

Provveditoria Novello Bresciano
La Provveditoria si prefigge di valorizzare il vino novello bresciano, tutelato dal rispetto imposto ai produttori aderenti di rigorose norme, tra le quali l’obbligo di sottoporre almeno il 60% delle uve a macerazione carbonica, a fronte quando il limite nazionale è del 30%.

Igt (Indicazioni Geografiche Tipiche)
Benaco Bresciano
Montenetto di Brescia
Ronchi di Brescia
Sebino
Valcamonica

L'OLIO

Dop (Denominazione di origine protetta)

Olio di oliva extravergine del Garda
Olio di oliva extravergine dei laghi lombardi
Olio extravergine di oliva del Sebino


versione per la stampa